Skip to content

Tram che vai libro che trovi. A Milano la libreria è sui binari

2 ottobre 2010

Prendete abitualmente i mezzi pubblici, magari per raggiungere gli eventi del weekend che si tengono in centro città? Se vi capita di salire sui tram di Milano– magari non affollati come quelli della foto – vedete di scegliere “quello giusto”.

Sui numeri 9 e 14 – quelli che passano per il pieno centro di Milano – sono dotati di un espositore di piccoli libri accanto all’obliteratrice!

Avete capito bene: una libreria mobile e gratuita vi aspetta per incoraggiare una sana lettura tra una fermata e l’altra e per dare visibilità ad alcuni autori che potrebbero perdersi nel mare magnum – peraltro poco battuto – delle librerie.

Ecco cosa sono…

Si tratta dei primi capitoli di due romanzi appena pubblicati: da Adelphi Povera piccina di Patrick Dennis e da Corbaccio il thriller La psichiatra del tedesco Wulf Dorn.

Dicono da corriere.it:

“Copertina identica all’originale, trama, profilo dell’autore e poche pagine per incuriosire il lettore, che sceso dal tram potrà decidere di comprare il volume. L’iniziativa nasce dall’idea di due milanesi, Max Paleari e Paolo Garberoglio, si chiama Hooks («amo» al plurale). Perché lo scopo è prendere all’amo il lettore, stimolarlo all’acquisto del libro iniziato. Operazione provata con successo dalle case editrici nel circuito Promocard. I distributori saranno riempiti ogni giorno e i titoli cambieranno un paio di volte al mese. Dall’11/10 toccherà a «L’occhio dello zar» di Sam Eastland, «Il mondo prima che arrivassi tu» di Giulia Blasi, «West Side-Transilvania» di John Marks e «Se la stanza è vuota» di Isabella Bossi Fedrigotti.”.

Una gran bella idea, purché non si sia stipati come accadeva nei tram di una volta🙂

MilanoincontemporaneaP

3 commenti leave one →
  1. 2 ottobre 2010 8:07 pm

    segnalo il mio blog, che ha molte parti dedicate alla lettura in tram.

    anna albano

  2. 2 ottobre 2010 10:05 pm

    Una bella iniziativa!

  3. 3 ottobre 2010 12:09 am

    Gran bella idea!
    Peccato che nel paesino dove abito io di tram nemmeno l’ombra!! Anzi si stupiscono persino se ti vedono leggere seduta sul banlcone di casa tua….va beh non che la cosa mi abbia mai fatto desistere!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: