Skip to content

Fuorisalone EXTRA LoFT 21

21 aprile 2010

Una settimana fa, l’inizio del Fuorisalone, oggi, il racconto di uno degli eventi più belli della manifestazione meneghina dedicata al desiggn: l’EXTRA >>> Milano Design Week organizzata dai ragazzi di Loft 21.

Lo spazio che ci accoglie è incredibile: 450 mq di arte by giovanni creativi che hanno allestito le loro installazioni a suon di musica nell’ ex fabbrica di via Padova 21, praticamente alle spalle di Piazzale Loreto.

L’organizzazione è nata solo a gennaio di quest’anno, dopo i fatti di cronaca che hanno rilanciato il quartiere di via Padova come uno dei più difficili e degradati di Milano, ma l’evento è organizzato in modo così intenso che ci si dimentica di dove ci si è.

Entusiasmante l’atmosfera creativa e l’esposizione che centra l’obiettivo, quello di “giocare a costruire un immaginario sfalsato rispetto al senso comune delle cose”.

EXTRA” è effetivamente un contenitore di nuovi e improbabili linguaggi fatti di lavori EXTRA-ORDINARI,EXTRA-URBANI, EXTRA-COMUNITARI, EXTRA-TERRESTRI- , opere di 12 di creativi, fra architetti, designer, stylist, artisti e perfino agronomi, che così decidono di raccontare al pubblico le trasformazioni delle loro percezioni visive:

Massimiliano Adami
I biglietti dell’oracolo M
CoseAtre
CTRLZak
Don Lucifero
Frassa
Ibebi
Mas alla Design
MI9
Resign
[1+2=8]
Whomade

Entriamo. Ad accoglierci, una galleria di foto e progetti su carta, le pagine di COMMONuncommon e i progetti dei lavori degli studenti del Corso “COMUNICARE IL PROGETTO” del Terzo Anno di Disegno Industriale, POLITECNICO di Milano, che hanno interpretato il tema “EXTRA” con una serie di visualizzazioni multimediali al confine tra artificio e organico, contestualizzate sulle quattro distanze individuate dalla prossemica: distanza intima, personale, sociale e pubblica.

Ed ecco i lavori e i designer.

Appena varcata la soglia della granda sala di Loft 21 ciò che attrae subito la nostra attenzione è un coloratissimo tavolo ricco di ampolle colorate, un po’ antro delle streghe sul quale si riversa una cascata di fili con diversi bigliettini multicolor. Sono I biglietti dell’oracolo M. di Elisa Bertolotti, Denise Lombardi, Maristella Mangipinto, Maria Chiara Piraccini, architette, designer, arte-terapiste, studiose di sciamanesimo e chi più ne ha più ne metta. Il loro progetto? Un workshop per esprimere idee, pensieri, vita attraverso bigliettini (durante la serata li abbiamo pescati anche noi).

Gustoso lo stand dell’Agriturismo Biologico Don Lucifero (ottimi l’olio e le mandorle) accanto a Nonino, del Progetto MAS alla Design, in cui un’antica macchina da cucire riassemblata con originali pezzi di legno delle vecchie ferrovie diventa un mobile da ingresso di moderno design.

Ci viene un incontro un caro amico, Enrico Salis, qui in veste di autore di un bel tavolo Binomio by Resign Academy. La particolarità? Guardate il poggia schiena: è ricavato dal fronte di un cassetto con il quale si incastra perfettamente. Un gioco di design, forme e movimenti che attrae tutti – noi per prime.
Accanto al suo lavoro (per saperne di più basta consultar il sito), un insolito comodino che nasconde una valigia in legno.

E poi, mele che vanno dal peccato originale, a Platone a Montale by Minove (MI9), accessori eco-fashion di CoseAtre, i strani complementi d’arredo di Whomade e la mega installazione coloratissima e super eco di Massimilano Adami, special guest star dell’evento.

Per seguire le iniziative di Extra, vi segnalo il pratico link on FB mentre un ringraziamento particolare và a Marco Serlini, fotografo d’eccezione della serata.

I protagonisti:

“EXTRA” è UN PROGETTO DI: Whomade e [1+2=8]

Whomade®: è un brand di ricerca che rilancia l’idea di un avant-craft per esprimere un rinnovato senso del bello come valore etico ed estetico. La missione è promuovere un’azione di design alternativa al rapido consumo delle idee e delle risorse, supportando e valorizzando realtà artigianali autoctone nella creazione di produzioni di nicchia da sviluppare nella pratica della piccola serie e dell’edizione limitata.

[1+2=8]: Nasce a Milano nel 2007. La sue produzione si concretizza in famiglie di oggetti, quali mobili, strutture per esterni ed interni. Tutti i progetti seguono una logica geometrica supportata dall’utilizzo di proporzioni matematiche. I progetti proposti fanno parte di una tipologia di prodotto basata sulla scomposizione e ripetizione dell’oggetto. Massima attenzione viene conferita alla semplicità di utilizzo dell’oggetto.

MEDIA PARTNER “EXTRA”: COMMONuncommon

COMMONuncommon: è un e-magazine mensile e un free press con uscita trimestrale. Fa moda della comunicazione di moda. La moda (non) è (più) distante dalla realtà. Questo magazine on/offline vuole parlare soprattutto di Persone, commonUNcommon People, attraverso i propri servizi fotografici, sempre con sfondo culturale e tematiche ben definite.
Un modo ‘altro’ d’espressione: crediamo che le parole non siano l’unico mezzo di comprensione e comunicazione fra le persone.Commonuncommon è una famiglia formata da fotografi, creativi, specialisti di comunicazione e cool hunters.

LOCATION “EXTRA”: LOFT21
Ora ache associazione culturale, è uno spazio dove arte, cultura, informazione e divertimento, opportunamente miscelati, contribuiranno a farti stare bene, e crescere ogni volta un po’ di più.

Paola – MilanoincontemporaneaP

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: