Skip to content

Binario 21: Milano Centrale destinazione Auschwitz

28 gennaio 2010

Ricordare quel binario 21 il giorno dopo, dopo le celebrazioni in città e nel mondo, è una scelta.

Crediamo che si debba ricordare ogni giorno:

Voi che vivete sicuri
nelle vostre tiepide case,
voi che trovate tornando a sera
il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
che lavora nel fango
che non conosce pace
che lotta per mezzo pane
che muore per un si o per un no.
Considerate se questa è una donna,
senza capelli e senza nome
senza più forza di ricordare
vuoti gli occhi e freddo il grembo
come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
stando in casa andando per via,
coricandovi, alzandovi.
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
la malattia vi impedisca,
i vostri nati torcano il viso da voi.

P.Levi “Se questo è un uomo”

Se passate dalla bellissima e rinnovata Stazione Centrale, sul muro perimetrale di destra, guardando verso la prospettiva infinita dei binari, c’è una targa.

Ma l’inferno era sotto.

Così come per Piazzale Loreto, cosi come per Brera, così per i bunker sotterranei.

Non dimentichiamoci di non dimenticare.

BINARIO 21

MilanoincontemporaneaP.&G.

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: